Ispirato alla SCUOLA DI SAGGEZZA fondata da HERMANN KEYSERLING a Darmstadt nel 1920, il Blog propone le iniziative culturali organizzate dalla omonima Associazione Culturale Il blog é agganciato all'omonimo canale Youtube contenente i video Hangout dei webinar gratuiti periodici organizzati da Sabato Scala e dalla sua compagna Fiammetta Bianchi con lo scopo di costruire, partendo dall'ideale della Saggezza, le fondamenta per un radicale rinnovamento dell'umanità .

Trattato sulla resurrezione

Trattato sulla resurrezione

Rheginos figlio mio, ci sono persone che vogliono imparare molte cose. Essi hanno tale obiettivo quando sono pieni di domande prive di risposte. Se le troveranno, vuol dire che hanno molta stima di se stessi. Ma non credo che essi si siano elevati all'interno della Parola di Verità. Cercano piuttosto il proprio riposo, che abbiamo ricevuto attraverso il nostro Salvatore, Cristo nostro Signore. Lo abbiamo ricevuto quando siamo venuti alla conoscenza della verità e appoggiandola su noi stessi. Ma dal momento che domanderete gentilmente ciò che è giusto sulla risurrezione, ho deciso di scrivervi ciò che occorre. A dire il vero, molti sono privi della fede in Cristo, ma ci sono anche pochi che la trovano. Allora, cerchiamo di discutere la questione.
Come ha fatto il Signore ad annunciare le cose mentre esisteva nella carne e dopo essersi rivelato come Figlio di Dio? Ha vissuto in questo luogo dove siamo noi, parlandoci della Legge della Natura, ma che io chiamo 'morte'. Ora il Figlio di Dio, Rheginos, fu Figlio dell'uomo. Egli abbracciò entrambi, possedendo l'umanità e la divinità, cosa che da un lato avrebbe potuto vincere la morte per mezzo del Figlio di Dio, e che dall'altro lato, attraverso il Figlio dell'Uomo, potrebbe avvenire il ripristino al Pleroma; perché egli era originario di quest'ultimo, un seme di verità, prima di questa forma venne all'esistenza. In questa molti dominatori e divinità vennero all'esistenza.
Lo so che sto esponendo la spiegazione con termini difficili, ma non c'è niente di difficile nella Parola della Verità dal momento che la soluzione apparve in modo da non lasciare nascosto nulla, ma di rivelare tutte le cose apertamente in relazione alla realtà, la distruzione del male da un lato, la rivelazione degli eletti dall'altro. Questa è l'emanazione della Verità e Spirito, la Grazia è della Verità.
Il Salvatore inghiottì la morte. (Egli) non vi considerò come ignoranti, si mise da parte per il mondo che sta morendo. Egli si trasformò in un Eone incorruttibile e sollevò se stesso, dopo aver fatto inghiottire il visibile dall'invisibile e donandoci la via per la nostra immortalità. Poi, effettivamente, come l'Apostolo disse "Abbiamo sofferto con Lui, siamo nati con Lui e siamo andati in cielo con Lui". Ora, se annunciamo in questo mondo indossando Lui, saremo uno dei suoi raggi e saremo abbracciati a Lui fino al nostro tramonto, vale a dire, alla nostra morte in questa vita. Siamo stati disegnati nel cielo da Lui, come i raggi del sole, non essendo trattenuti da nulla. Questa è la risurrezione spirituale che inghiotte l’immateriale nello stesso modo della carne.
Ma se c'è uno che non ci crede, non ha la (capacità di) essere persuaso. Perché il potere è nella fede, figlio mio, e non a ciò che appartiene alla persuasione: i defunti sorgeranno! C'è colui che crede ai filosofi che sono in questo mondo. Almeno lui sorgerà. E non lasciate che il filosofo che è in questo mondo abbia motivo di credere che Egli è colui che torna da se stesso -e ciò a causa della nostra fede! Perché abbiamo conosciuto il Figlio dell'Uomo, e abbiamo creduto che risuscitò dai morti. Questo è colui del quale si dice, "Egli è diventato la distruzione della morte, com’è un grande colui in cui essi credono". Grandi sono coloro che in Lui credono.
Il pensiero di coloro che sono stati liberati non perirà. La mente di coloro che lo hanno conosciuto non perirà. Pertanto, siamo eletti per la salvezza e la redenzione, dal momento che siamo predestinati fin dall'inizio a non cadere nella stoltezza di coloro che sono privi di conoscenza, ma si entrerà nella saggezza di coloro che hanno conosciuto la Verità. Infatti, la Verità che è conservata non può essere abbandonata, né lo è stata. "Forte è il sistema del Pleroma; piccolo è ciò che si è scatenato (ed) è diventato (il) mondo. Ma il Tutto è ciò che ci circonda. Non è venuto a esistere; Egli già esisteva". Quindi, mai avere dubbi sulla risurrezione, figlio mio Rheginos! Poiché non sei nato dalla carne, hai ricevuto la carne da quando sei entrato nel mondo. Perché non si vede la carne quando si ascenderà nell'Eone? Quello che è migliore della carne è quello che è per (il) motivo della vita. Ciò che è prodotto per conto tuo, non è tuo? Quello che è tuo non è con te? Tuttavia, mentre sei in questo mondo, che cos'è che ti manca? È per questo che stiamo compiendo ogni sforzo per conoscere.
La placenta del corpo è la vecchiaia e voi vivete nella corruzione. Avete preso il distacco come un guadagno perché non rinuncerete a ciò che è meglio se vi allontanerete. Ciò che è peggiore è l’abbassamento, ma non vi è grazia per esso.

Il nulla, allora, ci redime da questo mondo. Ma il Tutto siamo noi e siamo stati salvati. Abbiamo ricevuto la salvezza da un estremo all'altro. Pensiamo in questo modo! Cerchiamo di comprendere in questo modo!
Ma ci sono alcuni (che) vogliono capire, nella ricerca di quelle cose che stanno esaminando, se colui che è salvato quando lascerà il suo corpo dietro verrà salvato immediatamente. Nessun dubbio riguardo a questo. [...]. infatti, i membri del visibile che sono morti non saranno salvati, poiché (solo) i membri del vivente che esistono al loro interno sorgerebbero.
Cos'è allora la resurrezione? È sempre la divulgazione di coloro che sono resuscitati. Infatti se vi ricordate leggendo il Vangelo, apparvero Elia e Mosè con Lui, non credo che la risurrezione sia un'illusione. Non è un'illusione, ma è la verità! Anzi, è più opportuno dire che il mondo sia un'illusione, piuttosto che la risurrezione che è venuta ad esistere attraverso il nostro Signore il Salvatore, Gesù Cristo.
Ma cosa vi sto dicendo adesso? Quelli che stanno vivendo moriranno. In che modo vivono in un illusione? I ricchi sono diventati poveri, ed i re sono stati rovesciati. Tutto è soggetto a modifiche. Il mondo è un'illusione! affinché, in verità, io guidi le cose all'eccesso!
Ma la risurrezione non ha questa suddetta caratteristica, perché è la verità che resta stabile. È la rivelazione di ciò che è, la trasformazione delle cose e la transizione nel rinnovamento. Perché l'immortalità scende sul mortale; la luce scorre dall'alto in basso nell'oscurità, inghiottendola dall'alto; e il Pleroma si riempie di incompletezza. Questi sono i simboli e gli aspetti della risurrezione. Egli è Colui che permette il bene.
Pertanto, parzialmente non penso, O Rheginos, di non vivere in conformità con questa carne per il bene dell'umanità, ma di fuggire dalle divisioni e dalle catene, avendo già la risurrezione. Infatti se colui che dovrà morire, saprà da se stesso che morirà anche se passerà molti anni in questa vita, sarà portato alla resurrezione perché non considererà se stesso come risorto e (già) portato alla resurrezione?
Se siete già risorti, ma continuate come uno che se stesse per morire eppure sa che è già morto, perché, allora, dovrei ignorare il difetto della vostra abitudine? È giusto che ognuno faccia in diversi modi, ed egli sarà liberato da questo Elemento che non può cadere in errore, ma è quello che si riceve di nuovo in quello che fu un primo momento.
Queste cose le ho ricevute dalla generosità di mio Signore, Gesù Cristo. Ho insegnato a te e ai tuoi fratelli, considerandoli miei figli, mentre non ho omesso nessuna delle cose adatte per rafforzarvi. Ma se c'è una cosa scritta che è oscura nella mia esposizione della Parola, io l'ho interpretata per voi come quando mi porrete domande. Ma ora, non siate gelosi di chiunque sia nel vostro numero quando sarete in grado di aiutare.

Molti stanno cercando in questo testo che ho scritto a voi. A questi dico: la pace e la grazia (sia) in mezzo a loro. Saluto voi e coloro che vi amano in amore fraterno. 

Collaboratori