Ispirato alla SCUOLA DI SAGGEZZA fondata da HERMANN KEYSERLING a Darmstadt nel 1920, il Blog propone le iniziative culturali organizzate dalla omonima Associazione Culturale Il blog é agganciato all'omonimo canale Youtube contenente i video Hangout dei webinar gratuiti periodici organizzati da Sabato Scala e dalla sua compagna Fiammetta Bianchi con lo scopo di costruire, partendo dall'ideale della Saggezza, le fondamenta per un radicale rinnovamento dell'umanità .

L’Ipostasi degli Arconti

L’Ipostasi degli Arconti

(La Realtà degli Arconti)
In ragione della natura delle potenze, dallo spirito del Padre della verità, il grande apostolo -riferendosi alle “potenze delle tenebre” -ci disse “La nostra lotta non ê contro il sangue e la carne, ma contro le potenze del mondo e contro gli spiriti del male”. Dal momento che mi interroghi a proposito delle potenze, ti ho mandato
questo.
Il loro capo è cieco, a causa della sua potenza, della sua ignoranza e del suo orgoglio, disse nella sua incoscien
za, “Io sono Dio, non ne esistono altri all’infuori di me”. Quando disse questo, peccò contro il Tutto. E questo discorso salì all’Immortalità, poi dall’Immortalità venne una voce, disse “Tu sbagli, Samael!”, cioê, “dio dei ciechi”.
I suoi pensieri divennero ciechi. Egli emise la sua forza – cioè, la bestemmia che aveva pronunciato -egli lo perseguì giù nel caos e nell’abisso, sua madre, sotto la spinta della Pistis Sofia. E fondò ciascuno dei suoi figli in conformità della sua forza -secondo il tipo dell’eone superiore, poiché ê dal mondo invisibile che si manifestò il mondo visibile.
L’Immortalità guardò giù sulle regioni delle acque. Sulle acque apparve la sua immagine, e le potenze delle tenebre se ne innamorarono. Ma non potevano raggiungere quell’immagine apparsa loro sulle acque, a motivo della loro debolezza; gli psichici, infatti, non possono raggiungere il pneumatico: poiché essi sono dal basso, mentre egli ê dall’alto. È per questo che l’Immortalità guardò giù sulle regioni, al fine di congiungere il tutto alla luce, secondo il volere del Padre.
Gli arconti tennero consiglio; dissero, “Venite, facciamo un uomo con la polvere della terra”. Plasmarono il suo corpo cosicché fu totalmente terreno. Ora gli arconti hanno un corpo che è femmina ma anche maschio, e il loro aspetto è di bestie. Presero della polvere dalla terra, e plasmarono il loro uomo secondo il loro corpo e secondo l’immagine del dio che era apparso loro sulle acque. Dissero, “Su, mettiamola nella nostra creatura, di modo che egli vedendo la sua co-immagine venga da essa, e noi possiamo trattenerla nella nostra creatura.” Nella loro debolezza, non comprendevano la forza di Dio. Egli soffiò sul suo viso, e l’uomo divenne psichico e
rimase a terra per molti giorni. Ma essi, a motivo della loro impotenza, non poterono farlo stare diritto. Come
turbini di vento, si ostinarono a soffiare per afferrare quell’immagine che era apparsa loro sulle acque. Non sa
pevano quale era la sua potenza.
Tutto questo avvenne in conformità al volere del Padre del Tutto. Dopo di ciò, lo spirito vide l’uomo psichico sulla terra. Lo spirito uscì dalla terra adamantina, venne giù e dimorò in lui, quell’uomo divenne anima vivente. Lo chiamo Adamo, poiché si muoveva sulla terra. Dall’Immortalità venne una voce in aiuto di Adamo. Gli arconti radunarono tutti gli animali della terra e tutti gli uccelli del cielo; li condussero da Adamo, per vedere come Adamo li avrebbe chiamati, affinché egli potesse dare il nome, a ogni uccello e a tutti gli animali.
Presero Adamo, lo posero nel paradiso affinché lo lavorasse e lo custodisse. Gli arconti gli diedero un ordine, dicendo, “Mangerai di ogni albero che ê nel paradiso, ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non mangiarne, certamente voi di morte morirete”.
Dissero a lui questo, ignorando che cosa voleva dire. Tuttavia dissero questo in conformità del volere del Padre affinché Adamo ne mangiasse e considerasse tutti loro completamente ilici.

Gli arconti si consigliarono l’un l’altro e dissero, “Andiamo, apportiamo il sonno il Adamo!” Ed egli si addormentò. Ora il sonno ê l’ignoranza che essi fecero venire su di lui, ed egli si addormentò. Essi aprirono il suo
lato; formarono il suo lato come una donna viva e al suo posto misero della carne e Adamo diventò completamente psichico.
Andò da lui la donna dotata di spirito, parlò con lui e gli disse, “Adamo, alzati!”. Allorché la vide, egli disse, “Tu sei colei che mi ha dato la vita! Sarai chiamata ‘madre dei viventi’ – poiché lei è mia madre, lei è la medichessa, la donna, colei che ho generato.
Ma le potenze andarono dal loro Adamo; e quando videro la sua controparte femminile parlare con lui, prova
rono un grande turbamento, e si innamorarono di lei. Si dissero a vicenda, “Venite! Mettiamo in lei il nostro seme.” L’inseguirono, ma lei li derideva a motivo della loro follia e della loro cecità; ma essa, sotto le loro grin-fie, si trasformò in un albero, e lasciò tra le loro grinfie la sua ombra, che le assomiglia; essa la contaminarono grandemente. Contaminarono pure il sigillo della sua voce, condannando così se stesse nella loro creatura e la sua immagine.
Poi la donna dotata di spirito andò dal serpente, l’istruttore; egli la ammaestrò dicendole, “Che cos’ê che vi ha detto, ‘Mangerai di ogni albero che ê nel paradiso, ma dell’albero della conoscenza del male e del bene non ne mangerai’?” La donna carnale rispose, “Non solo egli disse ‘non mangiatene’, ma anche ‘non toccatelo’; nel giorno, infatti, in cui voi ne mangerete, certamente voi di morte morirete’.” Ma il serpente, l’istruttore, disse, “Certamente voi di morte non morirete. Egli, infatti, vi ha detto ciò perché è invidioso. I vostri occhi, invece, apriranno e voi diventerete come dêi, conoscitori del male e del bene.” L’istruttrice fu allontanata dal serpente, se lo lasciò dietro come un semplice essere terreno. La donna carnale prese dall’albero, mangiò, ne diede anche a suo marito e questi esseri che possedevano soltanto un’anima mangiarono. Il loro male si manifestò nella loro mancanza di conoscenza e si accorsero di essere nudi dell’elemento spirituale: presero delle foglie di fico e se le cinsero sui fianchi.
Allora venne il grande arconte, e disse “Adamo, dove sei?” -Ignorava, infatti, quanto era accaduto. Adamo rispose, “Ho udito la tua voce; ebbi paura perché ero nudo, e mi nascosi.” L’arconte disse, “Perché ti sei nascosto, se non per il motivo che hai mangiato dell’albero a proposito del quale ti ordinai ‘di quello soltanto non ne mangiare’ e tu ne hai mangiato!” Adamo rispose, “La donna che tu mi hai dato, me ne ha dato, e io ho mangiato.” L’arrogante arconte maledisse
la donna. La donna disse, “Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato.” Si volsero al serpente; essi maledissero la sua ombra, [] il che ê un’azione inefficace, ignoravano che esso ê una loro creatura. Da quel giorno il serpente passò sotto la maledizione delle sue potenze, fino a quando arriverà l’uomo perfetto. Quella maledizione colpì il serpente.
Si volsero al loro Adamo, lo presero e lo cacciarono fuori dal paradiso con sua moglie, poiché per essi non v’ê
alcuna benedizione, essendo essi pure sotto la maledizione. Essi gettarono gli uomini nei grandi turbamenti e
sofferenze dell’esistenza, affinché i loro uomini non fossero preoccupati in altro che negli affari della vita, e
non avessero il tempo di dedicarsi allo spirito santo.
Dopo queste cose, lei generò Caino, il loro figlio, e Caino coltivava la terra. Conobbe nuovamente sua moglie; lei rimase nuovamente incinta e generò Abele. Abele era un mandriano, un pastore di pecore. Caino portò i frutti del suo campo. Abele, invece, portò un sacrificio dai suoi agnelli. Dio guardò alle offerte di Abele, ma non gradì le offerte di Caino. Il carnale Caino perseguitò suo fratello Abele.

Dio disse a Caino, “Dov’ê Abele, tuo fratello?” Egli ripose, dicendo, “Sono forse io il custode di mio fratello?” Dio disse a Caino, “Ecco, la voce del sangue di tuo fratello grida verso di me. Tu hai peccato con la tua bocca. La tua colpa si volgerà contro di te. Chiunque ucciderà Caino, scatenerà una settupla vendetta; e tu sospirerai e
tremerai sulla terra.”
Adamo conobbe la sua controparte femminile Eva, lei rimase incinta e generò Seth per Adamo. Lei disse, “Ho generato un altro uomo da Dio, al posto di Abele.” Eva rimase nuovamente incinta, generò Norea e disse, “Egli generò per me una vergine come aiuto per generazioni e generazioni di uomini.” Lei ê la vergine che nessuna forza ha contaminato.
Allora gli uomini iniziarono a moltiplicarsi e a diventare migliori. Gli arconti tennero consiglio tra loro e dis
sero, “Su, con le nostre mani facciamo venire un diluvio, e annientiamo ogni carne, dall’uomo alla bestia.” Ma allorché l’arconte delle forze conobbe il loro piano, disse a Noê, “Fatti un’arca di legno che non marcisce, e na
scondi in essa te e i tuoi figli, con le bestie e gli uccelli del cielo, piccoli e grandi; ponila in cima al monte Sir.
Allora Norea andò da lui, volendo salire nell’arca; ed egli non glielo permise. Lei soffiò sull’arca e la incendiò. Egli rifece l’arca una seconda volta.
Gli arconti le andarono incontro allo scopo di ingannarla, il più grande di essi le disse “Tua madre, Eva, venne da noi.” Ma Norea si voltò e disse loro, “Voi siete gli arconti delle tenebre. Voi siete maledetti. Voi non avete
conosciuto mia madre, ma avete conosciuto la vostra co-immagine femminile. Io, infatti, non provengo da voi,
ma sono venuta dall’alto.”
L’arrogante arconte ritornò con tutta la sua forza, il suo volto divenne nero come [], le disse con presunzione, “Tu devi essere nostra schiava come lo fu tua madre Eva, poiché mi fu dato [].” Ma Norea ricorse alla forza dello spirito; gridò a gran voce e disse al santo, al Dio di tutto, “Aiutami contro gli arconti dell’ingiustizia e liberami subito dalle loro mani.” Il grande angelo discese dal cielo e le domandò, “Perché gridi verso Dio? Perché osi rivolgerti allo Spirito Santo?” Norea rispose, “Chi sei tu?” Gli arconti dell’ingiustizia si erano allontanati da lei. Egli rispose, “Io sono Eleleth, la sagezza, il grande angelo, colui che sta davanti allo Spirito Santo. Sono stato inviato a parlarti e a liberarti dalle mani di questi iniqui; e ti istruirò sulla tua radice.”
Mai potrò descrivere la forza di quell’angelo. La sua immagine era come l’oro scelto, il suo abito come la neve. La mia bocca, infatti, non sopporterà mai ch’io parli della sua forza e dell’immagine del suo volto.
Eleleth, il grande angelo, mi parlò, “Sono io”, disse, “sono l’intelligenza. Io sono uno dei quattro luminari che stanno davanti al grande spirito invisibile. Tu pensi che questi arconti abbiano potere su di te? Nessuno di loro potrà mai prevalere contro la radice della verità; è per essa, infatti, che egli si è manifestato negli ultimi tempi e dominerà su queste potenze; queste potenze non potranno mai contaminare te e quella generazione, poiché la vostra dimora ê nell’Immortalità, il luogo nel quale si trova il virgineo spirito, il quale è al di sopra delle potenze del caos e del loro mondo.”
Ma io dissi, “Signore, istruiscimi sulla forza di queste potenze. Come vennero all’esistenza? Da quale natura e da quale materia?” Chi ha fatto essere e le loro forze?”.
Il grande angelo Eleleth, l’intelligenza, mi disse, «In alto, negli eoni infiniti, c’ê l’Immortalità. Sofia, chiamata Pistis, volle creare un’opera da sola, senza il suo compagno. La sua opera fu un simulacro del mondo celeste. Tra coloro che sono in alto e gli eoni che sono in basso, c’ê un sipario. Al di sotto del sipario si produsse un’ombra e quest’ombra divenne materia. Quest’ombra fu gettata da parte; e ciò che lei aveva fatto divenne un’opera nella materia, come un aborto; ricevette forma dall’ombra, e divenne una bestia arrogante dalle sembianze di leone, ed era Androgino (bisessuato). Come ho già detto, perché era derivato dalla materia.”

Aprì i suoi occhi e vide una materia grande senza fine; divenne arrogante, e disse “Io sono Dio, non ne esistono altri all’infuori di me,” Quando disse questo, peccò contro il tutto. Ma dall’alto, dall’autorità assoluta, venne una voce, che disse, “Tu sbagli, Samael!”, cioê, “dio dei ciechi”.
Egli proseguì, “Se prima di me c’ê qualcos’altro, si manifesti a me!” E, subito, Sofia puntò il suo dito, fece penetrare la luce nella materia, lei stessa la inseguì giù nelle regioni del caos; poi si ritirò di nuovo su alla sua luce,
le tenebre [] la materia.
L’arconte, essendo Androgino, si fece un grande eone, una grandezza illimitata. Pensò di farsi dei figli, si fece sette figli, bisessuato come il loro padre. Disse ai suoi figli, “Io sono il Dio del tutto”.
Ma Zoe, figlia di Pistis Sofia, gridò e gli disse, “Tu sbagli, Saklas!”, nome corrispondente a Jaldabaoth. Lei soffiò sul suo viso e il suo soffio divenne, per lei, un angelo di fuoco. Quest’angelo legò Jaldabaoth e lo precipitò nel Tartato, in fondo all’abisso.
Ora, allorché suo figlio, Sabaoth, video la forza di quell’angelo, si pentì, condannò il proprio padre e la propria
madre la materia; la detestò; innalzò, invece, lodi a Sofia e a sua figlia Zoe. Sofia e Zoe lo trassero su, lo stabilirono nel settimo cielo, al di sotto del sipario, tra ciò che è al di sopra e ciò che al di sotto. Esse lo denominarono, “dio delle forze, Sabaoth”, poiché egli è al di sopra delle forze del caos; avendolo ivi stabilito Sofia.
Avvenuto questo, egli si fece un grande carro di cherubini a quattro facce, e innumerevoli angeli affinché lo servano, e anche arpe e cetre. Sofia prese sua figlia Zoe, la fece sedere alla sua destra per istruirlo su tutto ciò
che si trova nell’Ogdoade. L’angelo dell’ira ella lo pose alla sua sinistra. Da quel giorno la sua destra ê detta Zoe, e la sinistra divenuta il tipo dell’ingiustizia del despotismo di ciò che ê sopra, esso venne all’esistenza
prima di te.
Ma quando Jaldabaoth lo vide (Sabaoth) in questa grande gloria ed esaltazione, e benne invidia; e l’invidia divenne un’opera androgina, e questa fu l’origine dell’invidia. E l’invidia generò la morte; la morte generò i pro
pri figli e stabilì ognuno di loro nel suo cielo; tutti i cieli del caos furono riempiti dalle loro moltitudini. Ora, tutto ciò avvenne in conformità al volere del Padre del tutto, in conformità del tipo di tutti coloro che sono al di sopra, affinché il numero del caos fosse completo.
Ecco io ti ho istruita sul tipi degli arconti, e sulla materia dalla quale fu generato, sul loro padre e sul loro mondo.»
Ma io dissi, “Signore, anch’io appartengo alla loro materia?” Egli mi rispose, “Tu e i tuoi figli provenite dal Padre, che ê fin dal principio, le vostre anime vengono dall’alto,
dalla luce immortale; perciò le potenze non potranno avvicinarle a motivo dello spirito di verità dimorante in esse. Tutti coloro che hanno conosciuto questa via sono, infatti immortali in mezzo a uomini che muoiono. Tuttavia questa stirpe non si manifesterà adesso, ma si manifesterà dopo tre generazioni, e respingerà lungi da
essa il vincolo dell’errore delle potenze.
Ma io domandai, “Signore, per quanto tempo?” Egli mi rispose, “Fino a quando, sotto forma di una creatura l’uomo vero manifesterà l’esistenza dello spirito di verità inviato dal Padre. Egli, allora, li istruirà su ogni cosa, li ungerà con l’unzione della vita eterna, che gli fu
data dalla generazione che non ha alcun re.

Essi, allora, saranno liberati da ogni loro pensiero cieco, con i loro piedi calpesteranno la morte delle potenze, e saliranno alla luce infinita ove si trova questa stirpe. Le potenze, allora, abbandoneranno i loro tempi; i loro angeli piangeranno sulla loro distruzione; e i loro demoni si lamenteranno sulla loro morte. Allora, tutti i figli della luce conosceranno veramente la verità e la loro radice, il Padre del tutto e lo Spirito santo; dimoreranno tutti, a una sola voce, ‘Giusta ê la verità del Padre, e il Figlio è al di sopra del tutto e da ognuno, fino alle eternità dell’eternità si dirà: Santo! Santo! Santo! Amen!’” 

Collaboratori