Ispirato alla SCUOLA DI SAGGEZZA fondata da HERMANN KEYSERLING a Darmstadt nel 1920, il Blog propone le iniziative culturali organizzate dalla omonima Associazione Culturale Il blog é agganciato all'omonimo canale Youtube contenente i video Hangout dei webinar gratuiti periodici organizzati da Sabato Scala e dalla sua compagna Fiammetta Bianchi con lo scopo di costruire, partendo dall'ideale della Saggezza, le fondamenta per un radicale rinnovamento dell'umanità .

L’Esegesi dell’Anima

L’Esegesi dell’Anima

[1] Saggio l’Uomo che diede all'anima un nome femminile. [2] La sua natura era sicuramente femminile. [3] Parimenti ella ha il suo ventre.
[4] Fino a quando era presso il padre era vergine in forma androgina. [4] Solo quando cadde discese in un corpo e venne a questa vita, quindi finì nelle mani di molti ladri. [5] E creature di facili costumi se la scambiarono dall'uno all'altro e [...] [6] Alcuni fecero uso della sua forza, mentre altri la sedussero con regali. [7] In breve essi inquinarono la sua verginità.
[8] E nel suo corpo ella si prostituì e si diede ad uno e a tutti, credendo che ciascuno poteva abbracciarla come marito. [9] Dopo essersi data a facili costumi, agli infedeli amanti, così che essi potessero far uso di lei, sospirò profondamente e si pentì. [10] Ma anche quando girò il volto a quegli amanti, corse da altri e questi la costrinsero a vivere con loro e a rendere servizio nel loro letto, come se fossero suoi padroni. [11] Senza più vergogna non osò lasciarli, mentre loro la ingannarono a lungo, fingendo d’essere fedeli, di essere veri mariti, e di rispettarla grandemente. [12] Alla fine la abbandonarono e andarono via da lei.
[13] Divenne una vedova povera e desolata senza aiuto; non le fu lasciato cibo per il tempo della sua afflizione; da essi non ricevette nulla salvo la contaminazione che le diedero mentre ebbero con lei rapporti sessuali. [14] E la sua prole da adultera fu muta, cieca e malata. [15] Essi furono di mente debole. [16] Ma quando suo padre tornò a visitarla, guardò in basso e vide il suo sospiro con la sua sofferenza e disgrazia e la vide pentita della prostituzione in cui era impegnata, e quando ella cominciò a chiamare il Suo nome cosicché egli potesse aiutarla [...]ella, con tutto il cuore, disse "Salvami padre mio, poiché io voglio render conto a te, per l'abbandono della mia casa e per aver lasciato il quartiere ove vivevo da nubile. [16] Riportami di nuovo a casa".
[17] Quando egli vide in quale stato ella era, la ritenne degna di misericordia per tutte le afflizioni che aveva subito per aver abbandonato la sua casa.
[18] Ora riguardo alla prostituzione dell'anima, lo spirito santo ha profetizzato in molti luoghi.
[19] Attraverso di lui profetizzò Geremia (Ger.: 3: 1-4),
[20] “Se un uomo ripudia la moglie ed essa, allontanatasi da lui, si sposa con un altro uomo, tornerà il primo ancora da lei? [21] tornerà il primo ancora da lei? [22] Forse una simile donna non è tutta contaminata? [23]
“Tu ti sei disonorata con molti amanti e osi tornare da me? [24] Dice il Signore. [25] “Sii onesta onesto e guar
da dove ti sei prostituita. [26] In quale strada non ti sei seduta corrompendo la terra con i tuoi atti di prostituzione ed i tuoi vizi [27] Ed hai preso molti uomini come pietra di inciampo per te stessa. [28] Sei diventata svergognata con tutti. [29] Non chiamarmi parente o padre per la tua verginità.
[30] In Osea è scritto (Os.: 2: 2-7),
[31] Accusate vostra madre, accusatela, poiché lei non è mia moglie ed io non sono suo marito. [32] Si tolga dalla faccia i segni delle sue prostituzioni e i segni del suo adulterio dal suo petto; altrimenti la spoglierò tutta nuda e la renderò come quando nacque e la ridurrò a un deserto, come una terra arida, e la farò morire di sete e la renderò vogliosa e s senza figli. [33] Non mostrerò alcuna pietà per i suoi figli, poiché sono figli della pro
stituzione, poiché la loro madre si ê prostituita ed e li ha svergognati. [33] Poiché ella ha detto, “Mi prostituirò con i miei amanti. Sono quelli che mi hanno dato il mio pane, l’acqua, i miei indumenti, i miei vestiti ed il mio
vino ed il mio olio e tutto ciò di cui avevo bisogno. [34] Perciò la vedrò divenire prigioniera in su in modo che

non potrà più scappare dai suoi amanti. [35] E quando li cercherà e non li troverà e dirà, “Tornerò da mio marito, in quei giorni vivevo meglio di ora.”
[36] Parlò ancora ad Ezechiele in questo modo: (Ez.:16:23-26), [37] “Devono avvenire molte depravazioni, dis-se il signore <<Costruirai un bordello e realizzerai un luogo di piacere lungo le strade. [38] Costruirai un bordello in ogni strada, e sprecherai la tua bellezza, and farai banchetto tra le tue gambe in ogni vicolo, e molti
plicherai i tuoi atti di prostituzione. [39] Ti prostituirai con i figli d’Egitto, quelli che ti sono vicini, uomini grandi nella carne>>”.
[40] Ma che cosa significa i figli dell'Egitto, uomini grandi nella carne se non il dominio della carne e del regno percettibile e gli affari della terra, da cui l'anima è stata qui corrotta, ricevendo pane da loro, così come il vino, l’olio, i vestiti e l'altra assurdità esterna che circonda il corpo – cose di cui Ella pensa di avere bisogno.
[41] Ma a questa prostituzione gli apostoli del signore hanno comandato:(Atti 15;20, e 29;21;25, 1Th 4;3 , 1 Col 6;18 , 2 Col 7;1)
[42] Guardati da essa, purificati da essa, riguardo non solo alla prostituzione del corpo ma soprattutto a quella dell'anima.
[43] Per questo motivo gli apostoli scrivono alle chiese di dio, che quella prostituzione non potrebbero mai accadere fra noi. [44] Tuttavia la lotta più grande riguarda la prostituzione dell'anima. Da essa risulta anche la prostituzione del corpo.
[45] Pertanto Paolo scrisse ai Corinzi dicendo, (1Co 5:9-10)
[46] “Vi scrissi nella lettera <<Non associavi con prostitute>> e non intendevo le prostitute di questo mondo ma gli impudichi, gli avari, gli idolatri o i maldicenti finché non lascerete questo mondo.”
[47] Egli Parlava spiritualmente “La nostra battaglia infatti non ê contro creature fatte di sangue e di carne” come dice in (Ef. 6:12) “ma i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male”.
[48] Finché l'anima continua a correre ovunque si possa copulare con chiunque venga in contatto con lei, ella contaminerà se stessa, ella determinerà la sua sofferenza facendo di se stessa un deserto. [49] Ma quando percepisce la dritta via che è dentro di lei e piange dinanzi al Padre e si pentirà, allora il Padre avrà misericordia di lei e farà allontanare il suo ventre dal dominio esterno e lo riporterà dentro di lei, di modo che l'anima riguadagnerà il suo proprio carattere. [50] Poiché esso non è così con una donna. [51] Poiché il ventre del corpo è all'interno del corpo come gli altri organi interni, ma il ventre dell'anima è intorno alla parte esterna come gli organi genitali maschili sono esterni. [52] Così quando il ventre dell'anima, per volontà del Padre, si gira
verso l’interno, esso ê battezzato ed immediatamente ê pulito dell'inquinamento esterno che ê stato schiaccia
to su esso, come indumenti, che quanto sono sporchi, sono messo in acqua e vengono girati fino a rimuovere la sporcizia e farli tornare puliti. [53] E così la pulizia dell'anima è di riguadagnare la novità della sua natura precedente e di tornare indietro nuovamente. [54] Quello è il suo battesimo.
[55] Allora comincerà a infuriarsi da sola come una donna nel lavoro, che si dibatte e va in collera nell'ora della consegna del suo operato. [54] Ma poiché è femmina, non ha il potere di generare da sola un figlio. [55] Da cielo il Padre gli ha inviato il suo uomo, che è il suo fratello, il primogenito. [56] Quindi lo sposo è disceso alla sposa. [57] Ella ha allontanato la sua precedente prostituzione e si è pulita degli inquinamenti degli amanti ed è stata rinnovata in modo da essere una sposa.

[58] Non opererà più come luogo di mercato, copulando con chiunque la desidera, ma continuerà ad aspettarlo -(dicendo) “quando lui tornerà? -e temendolo, dato che non sa a chi egli assomigli: e non ha più ricordi del passato dal tempo in cui ê caduta giù dalla casa del Padre suo. [59] Ma dalla volontà del Padre <> e ha sogna
to di lui come una donna innamorata di un uomo.
[60] Ma allora lo sposo, secondo la volontà del Padre, è sceso a lei nella Camera Nuziale, che è stata preparata.
[61] Ed ha decorato la Camera Nuziale. [62] Per questo da allora quell'unione non è come un unione carnale,
coloro che l’avranno attraversata saranno soddisfatti. [63] E come se fosse stato un peso, lasceranno il fastidio
del desiderio fisico e gireranno i loro volti da ogni simile cosa. [64] Ma questa unione [...]. [65] Ma una volta che si uniscono tra loro, si trasformano in una singola vita.
[66] Per questo il profeta ha detto (Gn 2:24) " riguardo al primo uomo e alla prima donna, [67] “si trasformeranno in una singola carne.”
[68] Per quelli che si sono in origine uniti l’uno all’altro quando erano con il Padre prima che la donna smarrisse l'uomo, che è suo fratello. [69] Questa unione li ha riportati ancora insieme e l'anima si è unita al suo vero padrone, poiché è scritto (cfr. Gn 3:16; 1 Co 11; 1; Il PE 5:23),
“il padrone della donna ê suo marito.”
[70] Allora lo ha riconosciuto gradualmente e si è rallegrata ancora una volta, piangendo davanti a lui mentre si è ricordata del disonore della sua vedovanza precedente. [71] Ed si è adornata ancora di più in modo che Egli potesse essere soddisfatto di rimanere con lei.
[72] E il profeta dice nei Salmi (Ps 45:10-11):
[73] Ascolta Figlia mia, e guarda, e disponi le tue orecchie all’ascolto, e dimentica la tua gente e la casa di tuo
Padre, dato che il re ha desidera la tua bellezza, egli è il tuo signore.
[74] Per questo Egli chiede di voltare la faccia alla sua gente ad alla moltitudine degli amanti, in mezzo ai quali era una volta, per dedicarsi soltanto al suo re, il suo signore reale e dimenticare la casa del padre terreno, con quale le cose sono andate male per lei, ma di ricordarsi del suo Padre che è nel cielo.
[75] Così inoltre fu detto ad (Gn 12:1) Abramo: Vieni fuori dal tuo paese e dalla tua patria e dalla casa di tuo padre
[76] Così quando l'anima si sarà adornata nuovamente nella sua bellezza [...] gioirà di nuovo nell'essere amata ed Egli anche l'amerà. [78] E quando ella sarà stata con lui, riceverà da lui il seme della vita-dato attraverso lo spirito, di modo che da Lui la renerà gravida di buoni figli e li alleverà. [79] Questa è la meraviglia grande e perfetta, della nascita. [80] E così questa unione è resa perfetta dalla volontà del padre.
[81] Ora ci si prepara a che l'anima si rigeneri e si trasformi ancora in ciò che era precedentemente. [82] L'anima quindi si muoverà in accordo con se stessa. [83] Ed ella ha riceverà la natura divine dal Padre per il suo rinnovamento di modo che potrà essere ristabilita al posto in cui originalmente era stata. [84] Questa è il resurrezione che proviene dai morti. [85] Questo è il riscatto dalla prigionia. [87] Questo è il viaggio verso l'alto e l'ascesa a cielo. [88] Questo è il senso dell'ascesa al padre.
[89] Di conseguenza il profeta ha detto ha detto (Ps 103:1 -5):
[90] Elogia il signore, O anima mia e, tutto ciò che è in me, elogi il suo nome santo. [91] Elogia anima mia il sommo Dio, che ha perdonato tutte i tuoi peccati, che ha guarito tutte le tue malattie, che riscattato la tua vita dalla morte, che ti ha coronato di misericordia, che ha soddisfatto il tuo desiderio con le buone cose. [92] La tua gioventù sarà rinnovata come un’aquila.

[93] Allora quando ella diventerà nuovamente giovane ascenderà, elogiando il Padre ed suo fratello, da quale è stata salvata. [94] Così è l'anima rinascerà ancora e che sarà conservata. [95] E questo è dovuto non alle frasi in sua memoria o alle abilità di professionale o a ciò che si apprende da un libro. [95] Piuttosto è la grazia del [...] che è il dono del [...]. [96] Per questo è una cosa divina.
[97] Di conseguenza il signore ha gridato: (Gv.: 6:44)
[98] Nessuno può venire a me a meno che il mio padre non lo porti a me
[99] Quindi ci si deve preparare per pregare il Padre e per implorarlo con tutte la nostra anima -non esternamente con i labbra ma con lo spirito, che è interno, che è venuto a noi dalla profondità. [100] con sospiri;
[101] pentirsi per la vita che abbiamo vissuto confessando i nostri peccati: percependo il vuoto inganno che era dentro di noi e il vuoto zelo; [102] piangere per come eravamo nella oscurità e tra le onde addolorati per noi stessi, per questo Egli ha avuto pietà di noi; [103] odiamo noi stessi per come siamo ora.
[104] Ancora il signore disse:
[105] Beati coloro che sono addolorati perché riceveranno pietà; beati gli affamati perché saranno saziati
[106] E disse ancora (cf. Lk 14:26) [107] Chi non odia la sua anima la sua anima non può seguirmi.
[108] Poiché l'inizio della salvezza è il pentimento. [109] Prima che Cristo apparisse venne Giovanni a predicare il battesimo di pentimento. [110] E il pentimento prese il posto della afflizione e del dolore. [108] Ma il Padre è buono ed ama l'umanità e sente l'anima che lo chiama e gli trasmette la luce di salvezza.
[109] Di conseguenza ha detto con lo spirito al profeta (cfr. 1Cl 8:3)
[110] Dici ai figli della mia gente, "se i vostri peccati si estendono dalla terra fino cielo e se diventano rossi come scarlatto e più neri della tela di un sacco e ritornerai a me con tutta la tua anima e mi chiamerai Padre.
[111] E lui li ascolterà come un santo popolo"
[112] E ancora in un altro posto (Is 30:15):
[113] Così dice il signore, il Santo di Israele: "Se ritornerete e sospirerete, allora sarete conservati e saprete dove eravate quando vi siete fidati di ciò che è cosa vuota "
[114] Ancora ha detto in un altro posto (è 30:19 -20):
[115] Gerusalemme ha pianto molto, dicendo, "Abbi pietà di me". Egli avrà pietà al suono del vostro pianto.
[116] E quando ha visto ha prestato ascolto. [117] Ed il signore ti darà il pane dell'afflizione e l'acqua del oppressione. [118] D'ora in poi coloro che vi ingannano non si avvicineranno più. [120] I vostri occhi vedranno coloro che vi hanno ingannati.
[121] Di conseguenza bisogna prepararsi a pregare Dio di notte e di giorno, allargando le nostre mani come fanno le persone che navigano nel mare in tempesta: [123] Esse pregano dio con tutto il loro cuore senza ipocrisia. [124] Per questo colui che prega ipocritamente inganna soltanto se stesso. [[125] In Verità, è per poter conoscere che chi è degno di salvezza che questo Dio esamina le parti interne e cerca la parte profonda del cuore. [126] Perché nessuno è degno di salvezza se ancora ama il luogo di inganno.

[127] Di conseguenza il poeta ha scritto (Omero, Odissea 1.48-1.59);
[128] Ulisse si è seduto sull'isola, piange e si addolora e gira la sua faccia dalle parole e dai trucchi di Calypso, desiderando di rivedere il suo villaggio e il suo fumo venirgli innanzi. [129] Ha chiesto aiuto al cielo e non lo ha ricevuto, non avrebbe potuto ritornare al suo villaggio
[130] E ancora Elena [...] dice (Odissea 4,260-261):
[131] Il mio cuore si è allontanato da me. [132] E alla mia casa che voglio tornare
[132] Per questo piangendo disse; (Odissea 4.261-4.264):
[133] È Afrodite che mi ha ingannato e mi ha portato via e dal mio villaggio. [134] Ho lasciato la mia unica figlia ed i miei beni ed il mio bel marito.
[135] Poiché quando l'anima lascia il suo marito perfetto a causa dell'insegnamento di Afrodite, che esiste qui nell'atto di generare, ella soffrirà il danno. [136] Ma se sospirerà e si pentirà, ella ritornerà alla sua casa. [137] Certamente l'Israele non sarebbe stato visitato in primo luogo, per essere portato fuori dalla terra dell'Egitto, dalla casa della schiavitù, se non avesse sospirato a Dio e pianto per il oppressione dei suoi lavori.
[138] Ancora è scritto nei Salmi (Sal 6:6-9):
[139] Ero in grande difficoltà facendo risuonare il mio gemito. [140] Ogni notte inondo di pianto il mio giaciglio irroro di lacrime il mio letto. [141] Sono diventato vecchio in mezzo a tutti i miei nemici. [142] Via da me voi che fate il male, il Signore ascolta la voce del mio pianto.
[143] Il Signore ascolta la mia supplica, il Signore accoglie la mia preghiera. [144] Se ci pentiamo, Dio ci ascolterà davvero, a lui che ha sofferto a lungo ed è stato abbondantemente pietoso sia Gloria nei secoli dei secoli.

[145] Amen! 

Collaboratori