Ispirato alla SCUOLA DI SAGGEZZA fondata da HERMANN KEYSERLING a Darmstadt nel 1920, il Blog propone le iniziative culturali organizzate dalla omonima Associazione Culturale Il blog é agganciato all'omonimo canale Youtube contenente i video Hangout dei webinar gratuiti periodici organizzati da Sabato Scala e dalla sua compagna Fiammetta Bianchi con lo scopo di costruire, partendo dall'ideale della Saggezza, le fondamenta per un radicale rinnovamento dell'umanità .

Allogeno

Allogeno

(5 linee mancanti)
... dal momento che sono individui perfetti e vivono tutti insieme, uniti con la mente, il guardiano che ti ho fornito, che ti ha insegnato (sing.). Ed è il potere che esiste dentro te che spesso si estende come parola dell'Uno Triplicamente Potente ed Alimentato, quell'Uno di tutti coloro che veramente esistono nell'Incommensurabile Uno, la Luce eterna della Conoscenza che apparve, la verginale gioventù maschile, il primo degli Eoni creato da un unico Eone triplo-alimentato, l'Uno Triplo-Alimentato che esiste veramente, perché quando era immobile, fu esteso e quando si estese divenne completo e ricevette il potere da tutti loro. Lui conosce se stesso e l'Invisibile Spirito Perfetto. E lui divenne un Eone che sa che lei conosce quell'Uno. E lei divenne Kalyptos, che agì in quelli che sa. Lui è perfetto, invisibile, noetica Protophanes-Harmedon. E potenziando le persone, lei è una tripla-Maschio. Ed essendo singolarmente ...
(5 linee mancanti)
...individuo da un lato, sono insieme invece dall'altro, poiché è una loro propria esistenza, e li vede tutti per ciò che veramente sono. Lei contiene la Divina Autogenesi.
Quando lei si rese conto della sua Esistenza, e portò Quest'Uno (masc) dove si trovava, poiché li vide tutti quanti esistere individualmente come lui è. E quando diventeranno come lui, potranno vedere il divino Triplo-Maschio, il potere che è superiore a Dio... Lui E' il Pensiero di tutto ciò che esiste insieme. Se lui pondera su essi, lui pondera il grande maschio [...] noetica Protophanes, la processione di questi. Quando lo vede, vede anche quelli che veramente esistono e la processione di coloro che sono insieme. E quando li ha visti, ha visto Kalyptos. E se vede uno di quelli nascosti, vede l'Eone di Barbelo. E per quanto riguarda la prole ingenerata di Quell'Uno, se qualcuno vedesse come vive...
(4 linee mancanti)
... avete certamente sentito parlare dell'abbondanza di ognuno di loro.
Ma riguardo lo Spirito Invisibile, l'Uno-Triplo-Alimentato, ascolta! Egli esiste come un Uno Invisibile incomprensibile per tutti. Egli li contiene tutti dentro se stesso, perché tutti esistono a causa Sua. Egli è perfetto, E' più grande della perfezione stessa ed E' benedetto. Egli è sempre Uno ed esiste in tutti loro, essendo ineffabile, innominabile, essendo l'Uno che esiste in loro tutti, colui che, se qualcuno lo volesse discernere, non si potrebbe desiderare niente di ciò che esiste prima di lui tra quelli che hanno l'esistenza, perché egli è la fonte da cui tutti furono emessi. Egli è precedente la perfezione. E' precedente ad ogni divinità, ed è precedente ad ogni beatitudine, dal momento che fornisce qualsiasi potere. Egli E' una sostanza non-sostanziale, poiché egli è un Dio su cui non vi è alcuna divinità, il superamento della cui grandezza e la bellezza ...
(5 linee mancanti)
... potere. Non è impossibile per loro ricevere una rivelazione di queste cose, se si incontrano. Dal momento che è impossibile per gli individui comprendere l'Uno Universale che si trova nel luogo superiore a ciò che è perfetto, loro apprendono per mezzo del Primo Pensiero -non come un Essere singolo, ma è con la latenza dell'esistenza stessa che egli conferisce l'Essere. Egli fornisce tutto per se stesso, in quanto è lui che viene ad essere quando riconosce Se Stesso. Ed e' Uno che sussiste come causa e fonte dell'Essere, e un materiale immateriale e un numero innumerevole e una forma senza forma e una figura senza figura e un potere e non-potere e una sostanza inconsistente e un movimento immobile e un'attività inattiva. Eppure è un fornitore di disposizioni e di divinità delle divinità -ma ogni qualvolta capiscono partecipano alla prima Vitalità e indivisa attività, l'ipostasi del Primo Uno dell'Uno che realmente esiste. E una seconda attività [...] tuttavia, è il [...]. Egli è dotato di beatitudine e di bontà, perché quando è riconosciuto come l'attraversatore della illimitatezza dello Spirito invisibile che in lui sussiste, (l'infinità) si rivolge ad esso (lo spirito invisibile) in modo che possa sapere che cosa è dentro di lui e come lui esiste. E divenne salvezza per ognuno essendo punto di partenza per coloro che esistono veramente, poiché' il suo sapere perdura grazie a lui, essendo colui che sa ciò che è. Ma loro non portarono niente al di là di se stessi, né potere, né rango, né gloria, né eone, perché sono tutti eterni. Lui è Vitalità e Mentalità e Quello-Che-E'. Per cui Quello-Che-E' possiede costantemente la sua Vitalità e Mentalità, e Vita ha Vitalità possiede Non-Essere e Mentalità. Mentalità possiede Quello-Che-E'. E' I tre sono uno, pur essendo singolarmente tre.

Ora, dopo aver sentito queste cose, figlio mio Messos, ho avuto paura, e mi voltai verso la moltitudine [...] pensiero [...] dà il potere a coloro che sono in grado di conoscere queste cose da una rivelazione molto più grande. E io ero in grado, anche se la carne era su di me. Vi ho ascoltato in merito a queste cose e della dottrina che è in loro, dal momento che il pensiero che è in me distingue le cose immisurabili nonché le sconosciute. Di conseguenza temo che la mia dottrina possa essere diventata qualcosa che va oltre ciò che è giusto.
E poi, figlio mio Messos, il Gloriosissimo Uno, Youel, mi parlò di nuovo. Lei ha fatto una rivelazione per me e ha detto: "Nessuno è in grado di sentire queste cose, tranne le grandi potenze, O Allogeno. Un grande potere è stato messo su di te, che il Padre del Tutto, l'Eterno, mise su di voi prima che arrivaste in questo luogo, in modo che quelle cose che sono difficili da distinguere tu le avreste potute distinguere e quelle che sono sconosciute alla moltitudine tu le possa conoscere, e che Possiate fuggire (in sicurezza) verso Colui che è vostro, che fu il primo a salvare e non ha bisogno di essere salvato.
(5 linee mancanti)
... a voi una forma e una rivelazione dell'invisibile, Uno Triplo-Alimentato Spirituale, al di fuori del quale dimora un'indivisa, incorporea, conoscenza eterna.
Come per tutti gli eoni, anche l'Eone di Barbelo esiste dotato dei tipi e forme di coloro che esistono veramente, l'immagine di Kalyptos. E, dotato della Parola intellettuale di questi, egli porta i Protophanes noetica maschile come un'immagine, agendo all'interno degli individui, sia con talenti e abilità o con l'istinto parziale. Egli E' dotato della Divina Autogenesi come un'immagine, conoscendo ognuna di queste. Egli agisce separatamente e singolarmente, continuando a rettificare gli inadempimenti della natura. Egli è dotato del Triplo-Maschio Divino per la salvezza di tutti, in collaborazione con lo Spirito Invisibile. E 'una parola da un consiglio, <Lui> è la perfetta gioventù. E questa ipostasi è un ...
(6 linee mancanti)
... la mia anima si allentò, e sono fuggito ed era molto turbato. E guardai in me stesso e vidi la luce che mi circondava e il Bene che era in me, diventai divino.
E il Gloriosissimo Uno, Youel, mi consacrò nuovamente con l'unzione e mi diede potere. Lei disse: "Dal momento che la tua istruzione è d completa, ed hai conosciuto il Bene che è dentro te, ascolta ciò che è relativo all' Uno Triplo-Alimentato, cose che custodirai in grande silenzio e grande mistero, perché non si parla con nessuno, tranne coloro che sono degni, coloro che sono in grado di sentire: e non è opportuno parlare con una generazione ignorante riguardo l'Uno Universale che è superiore a quello ideale, ma tu hai <queste> a causa del Triplo-Alimentato, Colui che esiste. Nella beatitudine e bontà, il responsabile di tutto questo.
"In Lui esiste l’incommensurabile grandezza. Nella misura in cui Lui è parte di una ...
(5 linee mancanti)
... del Primo Pensiero, che non cade lontano per quelli che vivono nella comprensione e la conoscenza. E Quell'Uno si mosse immobile in ciò che governa, per non affondare nella sconfinato a causa di un'altra attività di Mentalità. Ed entrò in se stesso e apparve, essendo onnicomprensivo, l'Uno Universale che è superiore alla perfezione.

"In verità non è attraverso me che Lui sia anteriore alla conoscenza in tale livello. Anche quando non vi è alcuna possibilità per la completa comprensione, Egli è (comunque) conosciuto. Ed è così a causa del terzo silenzio di Mentalità e per la seconda indivisa attività apparve nel Primo Pensiero, che è, l'Eone di Barbelo, insieme all'Indivisibile Uno dei ritratti divisibili e l'Uno-Triplo-Alimentato e l'Esistenza non sostanziale ".
<In seguito> il potere apparve mediante un'attività che è a riposo ed in silenzio, benché' emise un suono così: zza zza zza. Ma quando (Youel) sentiti' il potere ed era piena ...
(5 linee mancanti)
... "Tu sei [...], Solmis! [...] Secondo la Vitalità che è tua, e la prima attività che deriva dal divino. Tu sei grande, Armedon! Tu sei perfetto, Epiphaneus!
"E sin accordanza con la tua attivita', il secondo potere e la Mentalità originata dalla beatitudine: Autoer, Beritheus, Erigenaor, Orimenios, Aramen, Alphleges, Elelioupheus, Lalameus, Yetheus, Noetheus, voi siete grandi. Chi ti conosce conosce l'Uno Universale! Tu sei Uno, sei Uno, Colui che è bene, Aphredon! Tu sei l'Eone degli Eoni, Colui che è perpetuo!"
Poi elogiò l'Uno Universale, dicendo "Lalameus, Noetheus, Senaon, Asine [noi ...] riphanios, Mellephaneus, Elemaoni, Smoun, Optaon, Colui Che E'! Tu sei Colui Che E', l'Eone degli Eoni, l'Ingenerato, superiore degli ingenerati, Yatomenos, tu solo per cui tutti quelli non ancora nati sono stati generati, l'Uno Innominabile! ... (10 linee mancanti) ... conoscenza".
Ora, dopo che ho sentito queste cose, vidi le glorie degli individui perfetti e di quelli completamente-perfetti che esistono insieme, e dei completamente perfetti che sono prima dei perfetti.
Youel Il grande e glorioso Uno, ancora ha detto, "O Allogenesi, in un'inconsapevole conoscenza sai che l'Uno Triplo-Alikmentato esiste prima delle glorie. Loro non esistono tra quello che esistono. Non esistono insieme a coloro che esistono e neanche coloro che esistono veramente. Piuttosto, tutti questi esistono come divinità, beatitudine ed esistenza, e come non-essenza non-sostanziale."
In seguito pregai che la rivelazione potesse accadermi. E poi il completamente glorioso, Youel, mi disse, "O Allogenesi, è certo, il Triplo-Maschile è qualcosa oltre la sostanza. Eppure se fosse immateriale ...
(9 linee mancanti)
... quelli che esistono in associazione con la generazione di quelli che esistono veramente. Gli autogenerati esistono con il Triplo-Maschio.
"Se cerchi con la ricerca perfetta, allora potrai conoscere il bene che è in te, quindi conoscerai te stesso (come) colui che proviene dal Dio che veramente preesiste. Possa arrivare a te, dopo centinaia d'anni, la rivelazione di Quell'Uno tramite Salamex e Semen e [...] i Luminari dell'Eone di Barbelo. E ciò che è aldila' del giusto per te, che tu non lo conosca in un primo momento, in modo da non penalizzare il tuo genere. E se è così fosse, allora quando riceverai una concezione di Quell'Uno, allora sei carico con la parola del compimento. Poi diventi divino, e diventi perfetto. Quindi li ricevi ...
(4 linee mancanti)
... la ricerca di [...] L'Esistenza [...] se si apprende qualcosa, e' compreso da quello e proprio quello che e' compreso. E poi chi comprende diventa più grande, e sa piu' di chi è compreso e conosciuto. Ma se si scende alla sua natura, è meno, in quanto la natura incorporea non si e' associata con nessuna grandezza; avendo questo potere, sono ovunque e non sono da nessuna parte, dal momento che sono più grandi di ogni grandezza, e meno di ogni esiguità ".
Ora, dopo che il Gloriosissimo Uno, Youel, disse queste cose, lei si separò da me e mi lasciò. Ma le parole che ho sentito non mi fecero disperare. Mi sono preparato all'interno e deliberato con me stesso per centinaia d'anni. E gioì, dal momento che ero in una grande luce e un sentiero benedetto, perché quelli che sono stato degno di vedere così come quelli che ero degno di sentire (sono) quelli per cui è sono adatte solo le grandi potenze... (5 linee mancanti) ... di Dio.

Quando il completamento dei 100 anni si avvicinò, mi portò la beatitudine della speranza eterna piena di buon auspicio. Ho visto il divino buono, Autogenesi; e il Salvatore, che è il giovane, perfetto Figlio Triplo-Maschio, e la sua bontà, la noetica perfetta Protophanes-Harmedon, e la beatitudine dei Kalyptos, e l'origine primaria della beatitudine, l'Eone di Barbelo, pieno di divinità, e l'origine primaria di quello senz'origine, l'Invisibile Uno Triplo-Alimentato Spirituale, l'Uno Universale più in alto della perfezione.
Quando <Io> fui preso dalla Luce eterna fuori del paramento che era su di me, e portato in un luogo santo la cui immagine non può essere rivelata al mondo, grazie ad una grande beatitudine vidi tutti quelli di cui ho udito. E li ho elogiati tutti e mi poggiai sulla mia conoscenza e propenso alla conoscenza degli Universali, l'Eone di Barbelo.
E vidi i sacri poteri per mezzo dei Luminari della verginale Barbelo maschile, che mi diceva che sarei stato in grado di analizzare ciò che accade nel mondo: "O Allogeno, guarda la tua beatitudine, come rispetta e rimane in silenzio, con la quale conosci il tuo proprio se' e, cercando te stesso, ti ritiri dalla Vitalità che vedrai in movimento. Ed anche se è impossibile per te stare, non temere nulla, ma se vuoi veramente stare, ritirati nell'Esistenza, e lo troverai in piedi e riposo come l'immagine di Colui che è veramente a riposo e (che) le abbraccia tutte, silenziosamente e senza attività alcuna. E quando ricevi una sua rivelazione per mezzo di una rivelazione primaria dell'Uno Sconosciuto -. Colui che dovresti conoscere, ignorandolo -e ti impaurisci in quel posto, ritiratati sul retro per queste attività. E quando diventerai perfetto in quel luogo, fermati immobile. E in conformità con il modello che dimora in te, sappi che è in questo modo… in tutte queste (questioni) riguardo questo disegno. E non dissiparti ulteriormente, in modo che possa essere in grado di sopportare, e non desiderare essere attivo, per paura decadere dall’inattività in alcun modo l'inattività in te dell'Uno Sconosciuto. Non conoscerLo, perché è impossibile, ma se per mezzo di un pensiero illuminato potessi conoscerlo, sii ignorante di lui ".
Ora stavo ascoltando queste cose come venivano dette. C'era in me un’immobilità e silenzio, e udii la Beatitudine, per la quale potei conoscere il <mio> proprio se'.
E mi ritirai nella Vitalità cercando <me stesso>, ed sono entrato dentro, e stetti, non con decisione, ma in silenzio. E ho visto un eterno, intellettuale, indiviso movimento appartenente a tutti i poteri senza forma, (che è) senza limiti di limitazione.
E quando volevo stare saldamente, mi ritiravo nell'Esistenza, che ho trovato in piedi ed a riposo, come un immagine e somiglianza di ciò che mi venne conferito dalla rivelazione dell'Uno Indivisibile e Colui che è a ripo
so. Ero pieno di rivelazione per mezzo di una rivelazione primaria dell’Uno Inconoscibile. Come se fossi igno
rante di lui, lo conoscevo, e ricevetti il potere da lui. Dopo essere stato rafforzato permanentemente, conobbi Colui che esiste in me, e l'Uno Triplo-Alimentato, e la rivelazione della sua incontenibilità. E tramite una rivelazione primaria del Primo Sconosciuto a tutti loro, il Dio oltre la perfezione, l'ho visto e l'Uno Triplo-Alimentato che esiste in tutti loro. Cercavo l'ineffabile e Dio Inconoscibile -che se uno dovesse conoscerlo, lo conoscerebbe in assoluta ignoranza – il Mediatore del Triplo-Alimentato, Colui che sussiste nella quiete e nel silenzio ed è inconoscibile.
E quando venni confermato in questi argomenti, i poteri dei Luminari dissero, "Smetti di ostacolare l'inattività che esiste in te, cercando argomenti incomprensibili, ascolta invece su di lui per mezzo di una rivelazione primaria e rivelazione."
"Ora Lui una cosa nella misura in cui se esiste in quello Lui o esiste e diventerà, o agisce o conosce, benché' viva senza Mente o Vita o Esistenza o Non-Esistenza, incomprensibilmente. Ed è qualcosa insieme al suo proprio essere. Egli non è lasciato inutilizzato in nessun modo, come se cedesse qualcosa che viene analizzato o purificata o che riceve e dà E non è diminuita in alcun modo, sia dal proprio desiderio, o qualora dia o riceva attraverso un altro. Né ha qualsiasi desiderio di se stesso, né da un altro, non viene influenzato. Piuttosto Lui non dà niente da Se stesso, per non rimanere sminuito in quel riguardo, né per questo motivo ha bisogno di Mente, o Vita, è davvero qualsiasi cosa in tutto. Egli è superiore agli Universali nella sua privazione e inconoscibilità, cioè il non-essere esistenza, dal momento che è dotato di silenzio e quiete per evitare di essere diminuito da coloro che non sono diminuiti.

"Egli non è né divinità, né felicità, né perfezione. Piuttosto, (questa triade) è una sua entità inconoscibile, non che sia propriamente Lui. Senza dubbio è Un altro superiore alla beatitudine e la divinità e la perfezione. In quanto lui non è perfetto, ma è un qualcosa che è superiore. Egli non è illimitato, ma neanche delimitata da un altro. Piuttosto, egli è qualcosa di superiore. Lui non è corporeo. Egli non è incorporeo. Lui non è grande. Egli non è piccolo. Lui non è un numero. Egli non è una creatura. Né e' qualcosa che esiste, che si possa conoscere. Ma è qualcos'altro in se stesso che è superiore, che non si può conoscere.
"Lui è la rivelazione primaria e conoscenza di se stesso, in quanto Lui solo conosce se stesso. Dal momento che non è uno di quelli che esistono, ma è un'altra cosa, è superiore ai superlativi, anche in confronto a quello che è suo e non suo. Lui non partecipa in età ne' interviene nel tempo. Lui non riceve niente da alcuno. Egli non è sminuibile, e Lui stesso non diminuisce nulla, né può essere sminuibile. Ma lui è auto-comprensione, come qualcosa di così inconoscibile che supera coloro che eccellono in inconoscibilità.
"Egli è dotato di beatitudine e perfezione e silenzio <non la beatitudine> né la perfezione e il silenzio. Piuttosto (questi attributi) sono un suo ente che esiste, che non si può sapere, e che è a riposo Più propriamente sono sue entità inconoscibili a tutti.
"E Lui è molto più grande in bellezza di tutti quelli che sono buoni, ed è quindi, a tutti gli effetti, inconoscibile a tutti loro. E attraverso loro Egli è in tutti loro, non solo come conoscenza inconoscibile che è sua propria. Ed egli è unito con l'ignoranza di chi lo vede. Sia <che uno> lo veda nella sua inconoscibilità, o lo veda come egli è a tutti gli effetti, o possa dire che è qualcosa di conosciuto, ha peccato contro di lui, essendo sottoposto a giudizio perché non ha conosciuto Dio. Egli non sarà giudicati da Quell'Uno che non è né preoccupato per niente e non ha alcun desiderio, ma (sentenza) <è> da se stesso, perché non ha trovato l'origine che veramente esiste. Era cieco, a parte l'occhio della rivelazione che è a riposo, quello (un occhio) che è attivato, (quello) del Triplo-Potere del Primo Pensiero dello Spirito Invisibile. Questa esiste quindi da ...
(15 linee mancanti)
... qualcosa [...] fissato stabilmente su[...], una bellezza ed una primo emergere di quiete e silenzio, tranquillità ed insondabile grandezza. Quando apparve, non ebbe bisogno di tempo né <compartecipò> in eternità. Piuttosto è insondabilmente insondabile su se stesso... Lui non si attiva in modo da diventare immobile. Egli non è un'esistenza, altrimenti sarebbe nel volere. Nello spazio, lui è corporeo, mentre in verità è incorporeo. Ha un'esistenza di non-essere. Egli esiste per tutti su se stesso senza alcun desiderio. Ma è un vertice di maggiore grandezza. Ed è superiore alla sua immobilità, affinché ...
(15 linee mancanti)
... li vide, e li potenziò tutti, anche se non si preoccupano per niente di Quell'Uno, né, se uno dovesse ricevere da lui, riceverebbe potere. Niente lo attiva in conformità con l'Unità che è a riposo. In quanto Lui è inconoscibile: è un luogo illimitato senz'aria. Dato che è sconfinato e impotente e inesistente, non stava dando Essere. Piuttosto li contiene tutti in se stesso, essendo a riposo (e) stando al di fuori di colui che continuamente sta, da quando apparve una Vita Eterna, lo Spirito Invisibile e Triplo-Alimentato che è in tutti quelli che esistono. E li circonda tutti, essendo maggiore di ciascuno. Un'ombra ...
(15 linee mancanti)
... era pieno di potenza. Ed Egli si elevò dinanzi a loro, che abilitandoli e riempiendoli tutti. " E riguardo tutte queste cose hai certamente udito. E non cercano qualcosa in più, ma vai. Non sappiamo se l'Inconoscibile Uno ha angeli o dèi, o se Colui che è a riposo contenesse qualcosa in più dentro di sé eccetto l’immobilità, che è Lui, per evitare la propria diminuzione. Non è appropriato dedicare più tempo alla ricerca. È giusto che voi conosciate, e che parlino l'un con l'altro. Ma li riceverai...

(5 linee mancanti)
... e lui mi disse: "Scrivi le cose che ti dirò, e di cui io ti ricordo, per il bene di coloro che saranno degni di te. e lascerai questo libro su una montagna e vi comanderai il guardiano: " Vieni Spaventoso"
E dopo aver detto queste (cose), mi lasciò. Ma io ero pieno di gioia, ed ho scritto questo libro, che è stato nominato per me, figlio mio Messos, in modo che io possa rivelarti le (cose) proclamate davanti a me in mia presenza. E in un primo momento le ricevetti in gran silenzio, e io rimasi solo, preparandomi. Queste sono le cose che mi furono rivelate, o figlio mio ... Messos
(13 linee mancanti)

... annunciale, figlio mio Messos, come sigillo di tutti i libri di Allogeno. 

Collaboratori